L’area tematica “Politiche istituzionali, gioventù, pari opportunità “ lavora in sinergia con le Istituzioni siciliane. Con il governo regionale e il suo Parlamento, gli Enti locali, le Università, gli Istituti di cultura e di ricerca, le Fondazioni e le associazioni.

  • Lo scopo è quello di promuovere iniziative che diffondano una cultura ed un’identità Euromediterranea che dalla Sicilia arrivi ai 37 Paesi del Mediterraneo che il Coppem rappresenta.
  • Uno dei progetti chiave è quello del “Dialogo interreligioso e interculturale “, rivolto alle nuove generazioni, al quale ci dedichiamo da qualche anno e che si è concretizzato con una stabile collaborazione con la CEI ( la Conferenza Episcopale Italiana).
  • Un focus particolare e privilegiato appartiene alle politiche di genere. Grazie al progetto MedEquality, finanziato dalla Comunità Europea e di cui il Coppem è stato capofila, è stata redatta la “Carta Euromediterranea” per l’uguaglianza di genere tra donne e uomini nella vita locale. Questo strumento, sottoscritto da numerosi comuni dell’Area, diviene il punto di partenza per una serie di progetti pilota che interessano, in primo luogo, comunità locali e regionali.

Browse By

Archivi della categoria: Politica Istituzionale Pari Opportunità Diritti Umani e Gioventù

Ritmi Interculturali: Sperimentazione tra Conservatorio di Palermo e University of Lagos

Il COPPEM ha contribuito alla promozione del progetto sulla contaminazione musicale africana con il Conservatorio di Musica Scarlatti di Palermo nell’ambito di Erasmus+ KA171 MMM Mediterranean/Sub-Saharan Music Movement attraverso una campagna di disseminazione e contributi grafici. Il progetto ERASMUS+ KA171 “MMM Mediterranean-Sub-Saharan Music Movement” con

Senza consenso è stupro. Flop della direttiva Ue

Era il 2021 quando la Turchia decise di ritirarsi dalla Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e il contrasto della violenza contro le donne e la violenza domestica, più conosciuta come Convenzione di Istanbul. Un vero e proprio fallimento, visto che per la prima volta

Gaza’s desperate hunger

    The right of food is a fundamental human right; Geneva Convention (Article 54) stipulates the “prohibition of starving civilians as a method of warfare”           90% of Gaza Population suffer from Food Poverty (click APLA ) The population of

Gaza: Israele davanti all’Aia risponderà di genocidio

  Il caso del genocidio del Sudafrica contro Israele inizia oggi davanti alla Corte internazionale di giustizia.  Il Sudafrica, il cui governo post-apartheid sostiene da tempo la causa palestinese, ha accusato Israele di azioni a Gaza contro Hamas che hanno “carattere genocida”, sostenendo che la risposta

Palestina: 111 organizzazioni si appellano ai diritti umani

111 organizzazioni della società civile chiedono di proteggere il popolo palestinese, porre fine all’assedio di Gaza e rilasciare tutti i prigionieri 111 Civil society organizations call for Le organizzazioni della società civile, le istituzioni e le coalizioni che hanno firmato questa dichiarazione denunciano i crimini

Giornata internazionale della democrazia

La Giornata internazionale della democrazia,che si celebra il 15 settembre sottolinea l’importanza della democrazia come diritto umano fondamentale, Istituito nel 2007 da una risoluzione approvata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, il 15 settembre ricorda il ruolo essenziale che la democrazia svolge nel plasmare le società

Dialogo, fondi e cooperazione per i diritti delle donne

E’ stata presentata a Firenze, nel corso del seminario contro la violenza di genere, voluto dal CPRM, la Carta euromediterranea per l’uguaglianza tra donne e uomini nella vita locale. Redatta nell’ambito del progetto MedEquality, promosso dal COPPEM, la Carta Euromediterranea ribadisce uno dei diritti fondamentali

Regioni unite contro la violenza di genere

Palazzo Sacrati Strozzi a Firenze, sarà teatro dalle 15 di oggi, giovedì 8 giugno, del seminario “Le regioni in prima linea per un’Unione dell’uguaglianza: Come possono le regioni contribuire alla lotta contro le violenze di genere in Europa e nei paesi limitrofi?” Un seminario che

Iaşi firma la Carta per una società inclusiva e la parità di genere

La municipalità di Iasi il più importante centro politico, culturale ed economico della Moldavia, a nord-est della Romania, ha firmato La “Carta Euro-Mediterranea per l’uguaglianza tra Donne e Uomini nella Vita Locale”, strumento che ribadisce uno dei diritti fondamentali degli esseri umani fornendo alle autorità