Le RELAZIONI INTERNAZIONALI costituiscono l’ossatura del COPPEM, trattandosi di un organismo nato per favorire la cooperazione multilaterale dell’Unione Europea con i paesi del bacino mediterraneo.

Si tratta di un’area geografica con immense potenzialità, dove tuttavia sussistono in parte tensioni geopolitiche storicamente radicate. La cooperazione al livello delle autorità regionali e locali facilita l’interscambio tra paesi, anche laddove sussistano talvolta attriti al livello degli stati.

  • Il continuo lavoro di tessitura dei rapporti internazionali in seno al COPPEM è sostenuto da rappresentanti istituzionali di alto spessore nel mondo arabo, dove il nostro organismo opera ed è riconosciuto da un ventennio. Inoltre l’attuale referente dell’area per il Segretariato è specializzata in relazioni diplomatiche internazionali ed ha parecchi anni di esperienza in iniziative e progetti di cooperazione multilaterale e bilaterale tra paesi del Mediterraneo.
  • Il 2020 è particolarmente rilevante per le Relazioni Internazionali del COPPEM, trattandosi della scadenza quadriennale per il rinnovo delle delegazioni. Alcune missioni e riunioni internazionali previste in presenza sono state rimandate a causa dell’attuale Pandemia, tuttavia si riscontra un forte interesse da parte di istituzioni regionali e locali europee e mediterranee che intendono aderire o hanno già aderito o alla rete del COPPEM. Riunioni multilaterali e bilaterali di rilievo si sono svolte di recente con l’utilizzo di piattaforme informatiche. L’Assemblea Generale prevede di riunire delegati storici e nuovi in presenza.
  • Il COPPEM ha inoltre rinsaldato le relazioni con reti internazionali operanti al livello delle Autorità locali e Regionali con sede in altri paesi: tra queste l’Arab Towns Organization, l’ARLEM, la CRPM e l’UCLG, con riferimento alla quale il COPPEM ha sostenuto la candidatura dell’attuale presidente Mohamed Boudra, membro storico del COPPEM.
  • La tematica riferita all’IMMIGRAZIONE ha da sempre riscosso notevole interesse da parte dei membri del COPPEM e negli anni ha coinvolto la referente dell’area nello sviluppo di tavoli tematici internazionali, iniziative in sinergia con la Regione Siciliana e progetti. Particolare attenzione è stata data ad iniziative di sensibilizzazione internazionale sul tema, attraverso tralaltro la realizzazione di due documentari multilingue: “Destino Clandestino” e “I diversi volti delle migrazioni tra le due sponde del Mediterraneo”, presentati in convegni in Europa e nei paesi Arabi e trasmessi via satellite.

Browse By

Archivi della categoria: Relazioni Internazionali e Immigrazione

Si è svolta, lo scorso 9 giugno 2021, la 30esima Assemblea generale del COPPEM, evento particolarmente significativo per il rinnovo delle cariche interne e per la nomina ufficiale del presidente, Adly Hussein.  In rappresentanza della Regione Siciliana è intervenuto il vicepresidente e assessore all’Economia, Gaetano

Armao: La digitalizzazione delle PMI è un motore di crescita per le aziende

La dodicesima sessione plenaria dell’ARLEM, Assemblea regionale e locale euromediterranea, si è svolta il 22 febbraio scorso, copresieduta da Apostolos Tzitzikostas, presidente del Comitato Europeo delle Regioni e governatore della regione della Macedonia centrale (Grecia) e da Mohamed Boudra, sindaco di Al Hoceima (Marocco) e

Join the largest international education event in Eurasia. 3-5 March 2021

  Partecipa al summit su Eurasia Higher Education Summit!   L’associazione universitaria EURAS è stata costituita su decisione del Consiglio dei Ministri il 3 gennaio 2010 con l’approvazione della Presidenza della Repubblica della Turchia. È uno degli istituti di istruzione superiore più completi al mondo,

València, una ciudad mediterránea abierta al mundo

de Joan Ribò Canut, Alcalde de València Las ciudades tenemos un papel fundamental en la cooperación euro-mediterrània, no sólo por nuestra historia compartida sino también por nuestra cercanía a los problemas reales de la gente y por nuestra capacidad de articular la integración mediterránea en

Ricordare per non ripetere

Nel Giorno della Memoria, per ricordare la liberazione nel 1945 del campo di sterminio di Auschwitz, dove 1,1 milioni di persone sono state vittime dell’orrore del genocidio,  Avi Rabinovitch, membro del consiglio di presidenza del COPPEM, si è appellato alle organizzazioni internazionali, insieme a Efi

ItalianEnglishSpanishFrenchArabic