Browse By

Nuovo allarme terrorismo in Turchia. Intervista Mustafa Aydin

La tensione è alta in Turchia dopo l’attentato terroristico che le autorità turche hanno attribuito ai militanti curdi, in cui sei persone hanno perso la vita e ottantuno sono rimaste ferite nell’esplosione del 13 novembre scorso a Taksim Istiklal Street, uno dei quartieri più popolari di Istanbul. “C’è un possibile rischio di attacco nei centri commerciali, alle fermate degli autobus e negli aeroporti”, l’allarme è dell’agenzia di stampa britannica Reuters che in queste ore ha reso noto che le ambasciate di alcuni paesi occidentali della Turchia hanno allertato nuovi possibili attacchi terroristici. “Mentre gli ambasciatori di almeno due paesi occidentali hanno avvertito di una nuova minaccia alla sicurezza nella capitale Ankara, due settimane dopo l’attentato terroristico nel cuore di Istanbul, anche la Serbia ha esortato i suoi cittadini di non recarsi nel Paese” ha riferito Reuters.

Ed effettivamente, anche l’agenzia di stampa serba Tanjug, in queste ore, citando le parole del ministro degli Esteri del Paese, Ivica Dacic, ha avvertito i suoi cittadini di non andare in Turchia, soprattutto ad Ankara perché il rischio di un attacco terroristico è reale. Parlando con Tanjug, Dacic ha riferito di informazioni ricevute dalle unità di sicurezza, “Voglio informare i nostri cittadini che potrebbe esserci un attacco terroristico nelle prossime settimane, soprattutto ad Ankara. I nostri cittadini attualmente in Turchia dovrebbero stare lontani dalle aree maggiormente frequentate dove ci sono folle di pedoni, come metropolitana, autobus, stazioni ferroviarie e luoghi simili”, ha dichiarato Ivica Dacic.

Intanto, mentre Ankara sta conducendo un’operazione aerea in Siria, prevedendone anche una di terra, l’agenzia di stampa britannica Reuters ha riferito che le forze democratiche siriane (SDF) guidate dal PKK e dalle YPG hanno negato il coinvolgimento.

“Il popolo curdo non ha un governo che possa difenderlo”. 131 accademici, attivisti, sindacalisti, rappresentanti di ONG e politici, ieri, 30 novembre, in occasione della Giornata della memoria di tutte le vittime delle guerre chimiche, lo hanno scritto nero su bianco in una lettera aperta chiedendo la fine urgente di tutte le attività militari transfrontaliere dello stato turco in Iraq e Siria, criticando i meccanismi internazionali e incitando azioni da parte di varie autorità in merito all’uso di armi chimiche da parte dell’esercito turco contro le forze di guerriglia curda nel Kurdistan meridionale.

Abbiamo chiesto l’opinione di Mustafa Aydin, fondatore dell’Università turca “Istanbul Aydin University” e membro del COPPEM. Aydin, nell’intervista, riportata di seguito, illustra e analizza la situazione politica e le relazioni internazionali della Turchia in questo momento storico di massima allerta.

 

Alle 16.20 del 13 novembre 2022, una bomba nel cuore di Istanbul, sul noto viale Istiklal, ha ucciso 6 persone e ne ha ferite 81. Quello che sappiamo è che il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha accusato il PKK. Il PKK non ha colpito obiettivi civili per decenni, perché ora?

L’organizzazione terroristica PKK è già stata riconosciuta come organizzazione terroristica dalla comunità internazionale, non ultimi gli Stati Uniti, l’Unione europea e gli Stati membri dell’UE. L’organizzazione ha ideato tali attività terroristiche in passato e non sarebbe sorprendente vederla intraprendere attacchi simili mentre la Turchia è già entrata nella stagione elettorale. Le elezioni presidenziali e parlamentari turche si terranno il prossimo anno a giugno e l’organizzazione terroristica PKK potrebbe aver pensato di beneficiare dell’emergere di un ambiente interno caotico. Per quanto ne so, l’organizzazione terroristica del PKK non sarebbe felice di vedere partiti politici di origine curda come l’HDP allinearsi con Alleanza Nazionale, che comprende il Partito per la Giustizia e lo Sviluppo al potere e il Partito d’Azione Nazionalista, o con l’Alleanza Popolare, composta da sei partiti di opposizione sotto la guida del Partito Repubblicano del Popolo. Se ne seguisse il caos interno all’interno del paese, aumenterebbero le probabilità che la tradizionale base elettorale / di supporto dell’HDP si unisca attorno alla leadership dell’HDP, che è in stretto contatto con l’organizzazione terroristica PKK. Un’altra possibilità è che attori esterni possano aver incoraggiato tali atti terroristici guidati da organizzazioni terroristiche del PKK all’interno del paese, attraverso le loro organizzazioni di intelligence, al fine di aiutare a esaurire l’energia della Turchia, tanto che la Turchia possa perdere la sua resistenza e il suo entusiasmo per perseguire politiche assertive all’estero.

Considerando che il PKK chiede ormai da anni di essere rimosso dalle liste del terrorismo internazionale, possiamo escludere che dietro questo attentato ci siano altre fazioni politiche?

Intraprendere attività terroristiche come l’ultima sul viale Istiklal è stato nel DNA dell’organizzazione terroristica PKK ed è ben noto che l’organizzazione terroristica PKK ha stabilito forti legami istituzionali e pratici e affiliazioni con molte organizzazioni separatiste orientate a sinistra impiegando attacchi terroristici simili nei loro sforzi per ottenere vantaggi politici contro lo stato turco. Sappiamo anche che i curdi siriani all’interno delle forze democratiche siriane, vale a dire PYD / YPG, criticano fortemente le operazioni militari della Turchia nel nord della Siria e temono che la Turchia possa organizzare operazioni di follow-up nella regione, mentre l’ambiente politico internazionale di oggi sembra essere abbastanza permissivo per un tale risultato. Né la Russia, né gli Stati Uniti né l’Iran sono ora in grado di impedire alla Turchia di intraprendere tali operazioni nella regione. Tutti loro sono piuttosto impegnati con immense sfide interne ed esterne.

Nel suo discorso alla stampa, anche il ministro dell’Interno Suleyman Soylu, ha accusato l’America, affermando che la Casa Bianca nell’inviare le condoglianze al governo turco ha avuto la prontezza “del criminale che è il primo sulla scena del crimine”. Non c’è il rischio di generare tensioni diplomatiche internazionali?

La Turchia è una potenza media e si preoccupa di andare d’accordo con gli Stati Uniti. Tuttavia, i due paesi sono in contrasto tra loro a causa dei loro obiettivi politici divergenti nel Medio Oriente allargato, tra cui Siria e Iraq. Il grado di antiamericanismo in Turchia è recentemente salito alle stelle e la ragione principale di questo risultato è l’infinito sostegno americano alle organizzazioni curde affiliate all’Organizzazione terroristica del PKK nel nord della Siria. L’establishment della sicurezza turca ritiene che qualsiasi cosa gli Stati Uniti abbiano fatto in Siria e in Iraq minaccino l’integrità territoriale, la coesione sociale e lo sviluppo economico della Turchia. Se gli Stati Uniti vogliono vedere la Turchia rimanere nel campo occidentale in mezzo all’emergente competizione tra grandi potenze, che ricorda l’era originale della Guerra Fredda, farebbero bene a riconoscere l’autonomia strategica della Turchia e adattarsi alla crescente capacità di potenza della Turchia nell’emergente Medio Oriente multipolare.

 (Original interview with Mustafa Aydin)     At 16.20 on November 13, 2022, a bomb in the heart of Istanbul, on the well-known Istiklal avenue, killed 6 people and injured 81. What we know is that Turkish President Recep Tayyip Erdogan accused the PKK. The PKK has not hit civilian targets for decades, why now?
The PKK terror organization has already been recognized as a terrorist organization by the international community, not least among them the United States, the European Union and EU member states. The organization masterminded such terrorist activities in the past and it would not be surprising to see it undertake similar attacks while Turkey has already entered the election season. Turkey’s presidential and parliamentary elections will be held next year in June and the PKK terror organization might have thought of benefiting from the emergence of a chaotic domestic environment. To the best of my knowledge the PKK terror organization would not feel happy to see Kurdish-origin political parties like HDP align itself with either National Alliance, comprising of the ruling Justice and Development Party and the Nationalist Action Party, or the People Alliance, consisting of six opposition parties under the stewardship of the Republican People Party. If domestic chaos ensued inside the country, the odds that HDP’s traditional constituency/supporting base unite around HDP leadership, which is in close contact with the PKK terror organization, would increase.  Another possibility is that external actors might have encouraged such PKK terror organization-led terrorist acts inside the country, through their intelligence organizations, with a view to helping exhaust Turkey’s energy, so much so that Turkey loses its stamina and enthusiasm to pursue assertive policies abroad.
Considering that the PKK has been asking to be removed from the international terrorism lists for years now, can we exclude that other political factions are behind this bombing?
Undertaking such terrorist activities as the latest one on the Istiklal avenue has been in the DNA of the PKK terror organization and it is a well-known truism that PKK terror organization has established strong institutional and practical links and affiliations with many leftist oriented separatist organizations employing similar terror attacks in their efforts to score political gains against the Turkish state. We also know that the Syrian Kurds within the Syrian Democratic Forces, namely PYD/YPG, do strongly criticize Turkey’s military operations in northern Syria and fear that Turkey might organize follow-up operations in the region while today’s international political environment seems to be quite permissive for such an outcome. Neither Russia, nor the United States nor Iran is now in any position to prevent Turkey from undertaking such operations in the region. All of them are quite busy with immense internal and external challenges.
In his speech to the press, Interior Minister Suleyman Soylu, also accused America, stating that the White House in sending condolences to the Turkish government had the readiness “of the criminal who is the first on the crime scene”. Isn’t there a risk of generating international diplomatic tension?
Turkey is a middle power and takes utmost care to get along well with the United States. Yet, the two countries are at odds with each other due to their diverging political goals in the wider Middle East, not least including Syria and Iraq. The degree of anti-Americanism in Turkey has in recent skyrocketed and the main reason for this outcome is the never-ending American support to PKK Terror Organization-affiliated Kurdish organizations in northern Syria. Turkey’s security establishment holds the view that whatever the United States has been doing in Syria and Iraq threaten Turkey’s territorial integrity, societal cohesion and economic development. If the United States wants to see Turkey remain in the western camp amid the emerging great power competition, reminiscent of the original Cold War era, it would do well to recognize Turkey’s strategic autonomy and accommodate itself to Turkey’s rising power capacity in the emerging multipolar Middle East.
Foto copertina ANSA
ItalianEnglishSpanishFrenchArabic