Browse By

Relazione Attività COPPEM

Relazione Attività 2014-2020

Le iniziative che il COPPEM ha promosso sono in piena corrispondenza con i punti generali dello Statuto e in coerenza con la legge regionale N. 32 del 23-12-2000 che promuove il nostro Ente

2014 

Il 2014 ha visto il COPPEM impegnato nella realizzazione delle attività del progetto MedEquality – “Promotion of Policies for equality in Euro-Med Region”, progetto finanziato dall’Unione Europea, di cui è capofila (www.medequality.coppem.org)  Conferenza Internazionale nell’ambito del progetto MedEquality – Malta, maggio 2014 “Promotion of Inclusion and Equality in the Mediterranean Region” (La Promozione dell’inclusione e dell’uguaglianza nella Regione Mediterranea) questo il titolo della conferenza internazionale che ha inaugurato ufficialmente il progetto MedEquality – “Promotion of Policies for equality in Euro-Med Region”. La conferenza ha avuto luogo il 12 maggio 2014 a Malta ed è stata organizzata dal partner locale, la Local Councils’Association con il supporto del COPPEM. Ai lavori erano presenti rappresentanti di Autorità locali e associazioni della società civile provenienti dai Paesi partner del progetto (Spagna, Italia, Malta, Algeria e Palestina)

Attivazione del sito interattivo del progetto “MedEquality” e degli account del progetto nei principali social network Nel 2014 è stato creato e messo online il sito del progetto MedEquality (www.medequality.coppem.org) dove si possono trovare numerose sezioni tra cui, oltre a quella sulle consuete notizie sul progetto, una galleria delle foto realizzate per la campagna internazionale di sensibilizzazione “Se la parità emerge la società respira”, una piattaforma virtuale per discutere gli aspetti della parità di genere che saranno inseriti sulla “Carta Euro-Mediterranea per l’Uguaglianza tra Donne e Uomini nella Vita Locale” e il database “Wikipractice”,buone pratiche in fatto di genere realizzate da governi locali euro-mediterranei. Queste ultime due sezioni saranno messe online non appena le attività del progetto che le riguardano saranno completate.

Sono, inoltre, stati aperti account di progetto nei principali social network (facebook, twitter e youtube) al fine di promuoverne le azioni e le finalità presso i beneficiari più giovani e di coinvolgere le nuove generazioni nella discussione su parità di genere e cittadinanza locale

Lancio della Campagna Internazionale “Se la Parità emerge, la società respira” nell’ambito del progetto MedEquality – Palermo, luglio 2014 La campagna internazionale di sensibilizzazione contro la discriminazione delle donne è stata presentata il 1 luglio 2014, a Palermo, presso i giardini dell’ARS in occasione della conferenza su “Femminicidio: come scrivere sui casi di violenza alle donne” , organizzata dall’Ordine dei Giornalisti di Sicilia

La campagna realizzata dal COPPEM è stata adottata dai partner del progetto e promossa presso gli enti locali euro-med.

Follow up del primo anno di attività del progetto – Palermo, luglio-novembre 2014 La rendicontazione narrativa e finanziaria delle attività sviluppate dal capofila e dai partner di progetto dal giugno 2013 al luglio 2014 è stata elaborata e inoltrata alla Commissione Europea secondo la modalità definite dall’ente finanziatore

2015

1. ATTIVITA’ DI FUNZIONAMENTO INTERNO Assemblea Generale del COPPEM L’Assemblea generale ha eletto all’unanimità il Presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta a Presidente del COPPEM. Sono state confermate le cariche del Consiglio di Presidenza e del Segretario generale

  1. ATTIVITÀ POLITICHE E DI SVILUPPO Dialogo Interreligioso Il COPPEM, forte della esperienza maturata nel 2011, quando organizzò, in collaborazione con la Regione Siciliana e la Pontificia Facoltà teologica di Sicilia, le Giornate di studio e riflessione “Interreligiosità e intercultura”, per dare una risposta ai fondamentalismi, ha riproposto, a Palermo, presso la Sala Gialla dell’ARS, l’incontro sul “Dialogo e riflessione sul dialogo interreligioso e interculturale“.

LOTTA AL TERRORISMO “Lotta al Terrorismo: limiti e prospettive di cooperazione giudiziaria”. E’ stato questo il tema delle “Giornate di lavoro” organizzate dal COPPEM, che hanno dato l’opportunità ai relatori di confrontarsi con il Procuratore Capo della Repubblica di Palermo, Francesco Lo Voi, con il Procuratore aggiunto, Leonardo Agueci, con il Presidente della Corte Distrettuale di Beer Sheva (Israele), Joseph Elon e con Mohamed Alnaser, Consiglio Giudiziario del Regno Heshemita di Giordania.

OSSERVATORIO MEDITERRANEO Partecipazione alla creazione della piattaforma di coordinamento dell’Osservatorio Mediterraneo sui flussi di mobilità e lo sviluppo locale, formalmente istituita l’8 giugno

Le autorità regionali e locali, i dipartimenti ministeriali e il COPPEM, hanno firmato il Protocollo di intesa. a Di seguito, i firmatari: la Regione Taza-Al Hoceima Taounate (Marocco); il Governatorato di Tunisi (Tunisia) ; il Ministero Affari Municipali del Regno Hascemita di Giordania – Dipartimento Consigli Locali (Giordania) ; la Municipalità di Beit Sahour (Palestina), il cui sindaco è anche co-presidente dell’ARLEM ; la Municipalità di Agios Athanasios (Cipro), coinvolta anche nel network « MuNet » per l’integrazione dei migranti ; il Dipartimento Immigrazione del Governo della Catalogna (Spagna); il Dipartimento per il Coordinamento delle politiche migratorie della Comunità Autonoma di Andalusia (Spagna).

I firmatari hanno concordato che l’Osservatorio potrà beneficiare della cooperazione tra le reti internazionali operanti nello spazio euro-mediterraneo (quali ARLEM, Commissione Intermediterranea CRPM, Régions Unies ORU-Fogar, Commissione Mediterranea CGLU, etc.)  R accolta dati e buone prassi ed elaborazione di analisi aggiornate sulle dinamiche di flusso nel bacino Euro-Mediterraneo Con riferimento allo scambio di buone pratiche, sull’integrazione dei migranti in Europa, la coordinatrice della II Commissione è stata invitata a Cipro, per partecipare all’incontro internazionale dell’ « European Municipalities Network » il cui fine era un confronto costruttivo sulle sfide poste alle Autorità Locali dal fenomeno migratorio

Avvio di una Campagna di sensibilizzazione sul piano internazionale che ha focalizzato il nesso tra mobilità umana e sviluppo locale, e al contempo la necessità di una maggiore solidarietà dell’Europa per far fronte alla situazione di continua emergenza che vivono i Paesi di transito dei flussi migratori causati da guerre, povertà e persecuzioni

La Campagna di sensibilizzazione, è stata supportata dal collegamento in streaming negli spazi espositivi della Regione ad EXPO 2015 a Milano; l’intera conferenza è stata trasmessa sia sul portale web di EXPO Sicilia  Incontro nazionale “ L’Uguaglianza inizia dal basso: le buone pratiche a livello locale per la parità di genere in Italia” (progetto MedEquality) – 7 luglio 2015

Raccolta buone pratiche sulla parità di genere a livello locale – 2015 E’ proseguita in questo anno la raccolta delle buone pratiche degli enti locali europei e mediterranei nel quadro della parità di genere. L’azione fa parte di un set di attività del progetto MedEquality volto a promuovere le politiche di uguaglianza nella regione euro-mediterranea

Supporto alla realizzazione di spot per la sensibilizzazione sulle pari opportunità in Algeria Un concorso per la realizzazione di spot per la promozione della parità di genere è stato lanciato nel quadro del progetto Medequality, in Algeria. L’azione, coordinata dal partner locale, il FACM (Forum algerino per la cittadinanza e la modernità), ha visto il supporto del COPPEM, in qualità di capofila del progetto con il quale sono stati definiti i criteri per partecipare

Stesura della bozza della “Carta euro-Mediterranea per le pari opportunità tra donne e uomini nella vita locale” In cooperazione con gli esperti, che hanno coordinato il lavoro dei tavoli nazionali per la stesura definitiva della Carta, il segretariato del COPPEM ha sviluppato una prima bozza della Carta, che ha costituito il punto di partenza per la redazione finale del documento

Prosecuzione attività progetto “Ladder” Le attività del progetto LADDER, co-finanziato dall’UE, hanno intensificato l’azione delle Autorità Locali nell’ambito dell’educazione allo sviluppo e della sensibilizzazione nei paesi UE e nel vicinato europeo

I beneficiari del progetto LADDER sono stati i cittadini, che hanno avuto la possibilità di approfondire le conoscenze, sulle questioni riguardanti lo sviluppo sostenibile, promuovendo il loro coinvolgimento a livello locale, con azioni individuali e collettive. Le attività svolte dal COPPEM, hanno riguardato la partecipazione agli incontri di progetto, alle attività formative previste e alla stesura di documenti tematici

Incontri e attività formative 1. Kick off e Steering Committee, Modena -Buk Festival 27/29 febbraio;

2. 1° Monitoring session – Training course, Podgorica (Montenegro) 5/9 maggio;

3. Meeting “Ripensare lo sviluppo”, Monreale/Palermo 25/27 giugno;

4. International Training Course sulle politiche DEAR, Donegal (Irlanda) 14/18 luglio;

5. Special event “Development and Migration”;

6. Malta 10/14 novembre;

7. Special Event Eastern Cooperation Partnership, Tblisi/Telavi (Georgia) 1/5 dicembre

Il responsabile per l’attuazione del progetto del COPPEM ha partecipato a dieci meeting on line ufficiali (riconosciuti come attività di progetto) e numerosi altri meeting informali online, come attività preparatorie alla elaborazione dei documenti di progetto nei Path tematici, cui il Coppem partecipa e che sono “Sviluppo sostenibile” e “Partenariato pubblico/privato”

Il COPPEM ha partecipato alla stesura del “Documento di Azione per il Mediterraneo, approvato nell’ambito del Med-Path Meeting, che si terrà a Tunisi dal 26 al 28 aprile 2016

 

Protocollo di Intesa con il CUNES Nel gennaio del 2014, anche con il contributo della IV Commissione, è stato istituito il Coordinamento dei Comuni UNESCO di Sicilia, la Rete delle Autorità Locali siciliane che ricadono nei sette Siti inseriti nella World Heritage List UNESCO, con sede a Catania. Il COPPEM, ha sottoscritto a Monreale, un Protocollo di Intesa finalizzato alla cooperazione internazionale, all’accesso ai fondi e alla tessitura di comuni strategie. In tale ottica il PdI (Protocollo di Intesa) ha previsto anche lo scambio del personale e l’uso reciproco delle sedi. Il CUNES è anche membro del Comitato Organizzatore del Festival del Patrimonio Immateriale UNESCO ICCN 2016

Assemblea ICCN – Cachtice, 1/5 ottobre Slovacchia Partecipazione ai lavori dell’Assemblea Plenaria della rete ICCN e coordinamento dei membri siciliani

Rete degli Ecomusei Il COPPEM, dal 2007 promuove le dinamiche ecomuseali, come esempio di sviluppo locale sostenibile e partecipato, ha promosso il processo di costituzione dell’Ecomuseo dello Jato, in cooperazione con i Comuni del comprensorio della Valle dello Jato, il GAL Terre Normanne, e alcune realtà no profit del territorio jatino. Il Presidente del Comitato Promotore è stato il Sindaco di San Giuseppe Jato

L’Ecomuseo dello Jato è stato presentato, come case study, in numerosi incontri pubblici anche a carattere internazionale

Il COPPEM, ha promosso la dinamica ecomuseale come esempio di buona prassi, perseguendone la promozione attraverso la presentazione di una proposta progettuale nell’ambito del Programma MED

Formazione 1. Summer School in Management degli Eventi Culturali e Artistici, Noto/Marzamemi 20/28 luglio 2. Erasmus Plus “Train the trainers” Newcastle 2/7 febbraio 3. Erasmus Plus “Who want to be entrepreneur?” Cipro 6/11 aprile

Partecipazione a Convegni

1. “Progetto Medneta- economia sostenibile e artigianato del Mediterraneo”, Palermo, Museo Riso 20 marzo Tema dell’intervento: “Il progetto Ladder, Cittadinanza Globale e Sostenibilità nel Mediterraneo”

2. “Lo sviluppo sostenibile e partecipato nel Mediterraneo Sud-Orientale” Podgorica (Montenegro), 8 maggio Tema dell’intervento: “Ecomusei- esempi di partecipazione i processi decisionali e di sviluppo locale duraturo”

3. “Ripensare lo sviluppo – Il Mediterraneo a 20 anni dalla Dichiarazione di Barcellona” Monreale 26 giugno / Palermo 27 giugno Moderatore

4. Forum internazionale sul Patrimonio Immateriale UNESCO “Returns to the Past is to return to the Next”, Cachtice (Slovacchia) Moderatore

5. Forum Mediterraneo ICOM “Musei e Patrimonio dell’Umanità” Catania, 12 ottobre Tema dell’intervento: “Identità immateriali nel Mediterraneo: Il Festival del Patrimonio Intangibile UNESCO ICCN Sicilia 2016”

6. Milano 29 ottobre, EXPO 2015 “YOU CAN MAKE A CHANGE – Sustainable Development 2.0”, organizzato da Concorde nell’ambito dell’Anno Europeo per l’Educazione allo Sviluppo Tema dell’intervento: “La cooperazione tra Autorità Locali e Organizzazioni della Società Civile nel Mediterraneo dopo le cosidette Primavere Arabe: analisi e prospettive”

7. Telavi (Georgia) 4 dicembre “Lo sviluppo sostenibile nei Paesi del Vicinato dell’Est” Tema dell’intervento “Agricoltura e tradizioni popolari – Ecomusei esempi di sviluppo rurale sostenibile”

8. Vibo Valentia, 18 dicembre Convegno “Cittadinanza europea e integrazione euro-mediterranea. Migrazioni nell’Europa che cambia” organizzato da Europe Direct, Comune di Vibo Valentia Tema dell’intervento “L’Educazione alla Cittadinanza Globale e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite” Attività svolte nel 2016:  CARTA EUROMED Il COPPEM, ha lavorato sulla bozza della Carta Euromed, coinvolgendo le Istituzioni e Associazioni nazionali

Il 30 maggio, si è svolto, a Palermo, nella sede di Villa Malfitano, il primo incontro internazionale per la redazione della Carta con la partecipazione dei partner e degli associati al progetto

Successivamente, ogni paese partecipante, ha contribuito alla stesura, avanzando proposte sui punti essenziali della Carta. Tali suggerimenti sono stati raccolti ed elaborati dal COPPEM, nella versione finale del documento

2016

Il COPPEM, ha promosso la Campagna di sensibilizzazione “ SE LA PARITÀ EMERGE, LA SOCIETÀ RESPIRA” per dire NO alle discriminazione tra uomo e donna. Sono stati realizzati manifesti, che sono stati affissi nei punti iù stratecici di Palermo e in Palestina, Malta, Algeria e Spagna, partner del progetto

Il 30 settembre e l’1 ottobre 2016, a Palermo, nella Sala Pio La Torre all’ARS, è stato organizzato un incontro internazionale sulla “CARTA EUROMEDITERRANEA PER L’UGUAGLIANZA DELLE DONNE E DEGLI UOMINI NELLA VITA LOCALE” per la definitiva approvazione

Il 22 novembre 2016 è stata organizzata a Madrid, la Conferenza finale del progetto con la presentazione della Carta e la sottoscrizione della stessa da parte di Istituzioni locali e regionali e Associazioni dell’area euromed

BLUE SEA LAND Il COPPEM, nell’ambito della manifestazione internazionale Blue Sea Land 2016, che si è tenuta a Mazara del Vallo (Sicilia), dal 5 al 9 ottobre 2016, ha organizzato la Conferenza sul tema “LA DIVERSITÀ DI GENERE CHE FAVORISCE L’INNOVAZIONE. GREEN E BLUE ECONOMY: IL RUOLO DELLE DONNE”  

L’evento, che si è svolto nei locali del Seminario Vescovile, ha visto la partecipazione della Dirigente del Dipartimento Affari Extraregionali della Regione siciliana, Maria Cristina Stimolo, dell Vice Segretario della Camera di commercio Italo-Maltese, Enry Di Giacomo e del dirigente dell’ICE, Marcello Gentile. La Conferenza si è aperta con la proiezione di un video di presentazione del Coppem

OSSERVATORIO EURO-MEDITERRANEO SULLA MIGRAZIONE E LO SVILUPPO LOCALE Nel primo semestre 2016 è stata portata avanti l’attività riferita all’Animazione della rete di attori istituzionali dell’Area Euro-Mediterranea creata dal COPPEM nel mese di giugno 2015 con la firma del Protocollo costitutivo di un “Osservatorio Euromediterraneo sulla migrazione e lo sviluppo locale”. Nello specifico, la rete di attori istituzionali aderenti al protocollo è stata estesa e, tra le adesioni registrate nel 2016, particolare importanza riveste quella dell’ Associazione Europea per la Democrazia Locale” (ALDA). ALDA e ARLEM hanno voluto presentare la rete specifica sulla migrazione e lo sviluppo locale creata dal COPPEM in occasione della Conferenza ALDA-ARLEM il 29 ottobre 2016 in Tunisia a cui il COPPEM ha preso parte e in cui è stata evidenziata la necessità di solidarietà per quei territori quali la Sicilia e la Giordani Nonostante l’instabilità della situazione geopolitica, nella cosiddetta “sponda sud del Mediterraneo”, il COPPEM ha supportato iniziative di progettazione tra i Paesi europei e arabi. Le Regioni europee firmatarie del Protocollo, e in particolare il “Dipartimento per il Coordinamento delle Politiche migratorie della Comunità Autonoma di Andalusia”, hanno rafforzato strettamente la sinergia con il Segretariato del COPPEM, al fine di lavorare alla progettazione di concrete iniziative riferite alle tematiche contenute nel Protocollo in tema di migrazione e sviluppo locale, con una connotazione internazionale e paneuropea

ATTIVITA’ DI PROGETTAZIONE IN MATERIA DI IMMIGRAZIONE Il COPPEM si è interfacciato nel 2016 con i dipartimenti regionali al fine di fornire un supporto per iniziative svoltesi a livello locale (tavoli di consultazione, seminari, etc.) nonché per la progettazione di iniziative a valenza internazionale. Nello specifico, diversi incontri con riferimento alla II Commissione del COPPEM, hanno avuto luogo con la responsabile dell’Ufficio Regionale Immigrazione e con i progettisti della ONG Emergency, che hanno supportato la progettazione, nel periodo marzo-giugno 2016, nell’ambito del “Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione” del Ministero dell’Interno con riferimento alla proposta progettuale dall’acronimo: “MIMOSA: Migranti Movimento Salute: scambio e sperimentazione di buone prassi inclusive attraverso unità mobili.” Tale proposta progettuale presentata, di cui EMERGENCY era capofila, contava 8 soggetti, tra partner e aderenti italiani: la Regione Sicilia – Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro, il COPPEM e la sede italiana dell’OMS. Il COPPEM ha avuto un ruolo fondamentale nell’adesione della Conferenza delle Regioni Periferiche e Marittime d’Europa e Andalusia

BANDO EUROPEO DEAR (“DEVELOPMENT, EDUCATION AND AWARENESS RAISING”) Il segretariato del COPPEM, è stato impegnato nella partecipazione al bando europeo DEAR (“Development, Education and Awareness Raising”) con diverse proposte progettuali. Con riferimento alla II Commissione si è trattato della progettazione completa della proposta dall’acronimo. “BRIDGES4DEV” finalizzata a rafforzare la solidarietà tra i paesi dell’Unione Europea, con maggiore riguardo dei territori di prima accoglienza, la Sicilia in primis, promuovendo una vasta campagna di sensibilizzazione internazionale. La progettazione, è stata complessa e ha richiesto un lavoro intenso dello staff del COPPEM, al fine di elaborare una proposta progettuale in lingua inglese che per i contenuti, il numero e tipologia di partner coinvolti, potesse rispondere sia ai requisiti del bando (un’azione da sviluppare in minimo 10 paesi europei con la partecipazione di organizzazioni della società civile, autorità locali e loro reti) che ad essere competitiva, in considerazione dell’alto numero di proposte presentate

La II Commissione del COPPEM nell’ambito dello stesso bando ha dato, inoltre, la propria adesione come associato ad una progettualità elaborata dall’Associazione Umanitaria “AMREF HEALTH AFRICA

“Voci di Confine” Con AMREF, nel secondo semestre del 2016, è stato presentato un progetto al bando lanciato dal Ministero italiano della Cooperazione allo Sviluppo di cui il COPPEM è partner, dal titolo “Voci di Confine” con la partecipazione di numerose città italiane tra cui il Comune di Lampedusa ed associazioni operanti in materia di immigrazione e cooperazione allo sviluppo

Bando: “COS-MigrantsENT-2016-04-02” Inoltre alla fine del 2016 lo staff del COPPEM nell’ambito dei lavori della II Commissione è stato impegnato in qualità di partner nella partecipazione al Bando: “COS-MigrantsENT-2016-04-02” con una proposta progettuale sui migranti imprenditori con un capofilato belga

PROGETTO LADDER Nel corso del 2016 le attività del progetto Ladder sono state indirizzate verso azioni di sensibilizzazione, di formazione e di networking tra Autorità Locali e Organizzazioni della Società Civile nell’ambito della promozione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite

Il progetto Ladder si caratterizza dunque come strumento moltiplicatore, a livello internazionale, delle azioni UNESCOMED ed Ecomuseo 2.0 svolte a livello regionale siciliano

Il COPPEM ha partecipato al National Training Course DEAR , che si è tenuto ad Ancona il 23/24 febbraio

Successivamente il 10 marzo ha partecipato all’On line meeting – task Sviluppo sostenibile. In tale occasione il COPPEM è stato nominato responsabile individuazione Buone pratiche di Cittadinanza Attiva  STRATEGIA DEL MEDITERRANEO Dalla metà di marzo il responsabile tecnico, è stato impegnato nella stesura del DOCUMENTO DI STRATEGIA DEL MEDITERRANEO. Il Documento è stato discusso nel Med Path Meeting – Tunisi 26/28 aprile e approvato in occasione dell’evento legato alla Mostra dell’anno Europeo per l’Educazione allo Sviluppo, dove il COPPEM è stato affidato il ruolo di relatore al tavolo Mediterraneo – Parigi 10/13 maggio

Nell’ambito del progetto Ladder, il COPPEM ha organizzato, sul territorio siciliano, il National Training Course DEAR, tenutosi a Palermo 20/21 aprile, presso i locali del Dipartimento Affari Extra Regionali della Regione siciliana, che ha visto la partecipazione di oltre 40 rappresentanti di Autorità Locali siciliane e Organizzazioni della Società Civile. I partecipanti hanno deciso di promuovere una Piattaforma Informale di co-progettazione partecipata.

L’evento clou, del primo semestre 2016, è stata la seconda edizione di “Ripensare lo Sviluppo”, evento locale Ladder e inserito nell’ambito del progetto finanziato dal Dipartimento Affari Extraregionali nel task Ecomusei, che si è tenuto a San Giuseppe Jato dal 24 al 26 giugno. A latere è stata organizzata una mostra fotografica della Valle dello Jato e una visita guidata al Parco Archeologico dello Jato

CITIZEN PARTICIPATION UNIVERSITY Le attività del semestre si sono chiuse con la partecipazione alla Citizen Participation University che si è svolta dal 4 al 9 luglio in Ungheria

Sono state preparate le attività che si sono svolte nel corso delle seguenti Ladder Special Initiatives

Special Initiative Med-Path – Tunisi 17/19 ottobre 2016 Special Initiative nell’ambito del Task Sustainable Development – Bratislava 3/5 novembre 2016

Sono state promosse le buone pratiche attuate dal COPPEM con le azioni UnescoMed ed Ecomuseo 2.0  ECOMUSE0 Il COPPEM ha perseguito il percorso di attivazione di dinamiche di sviluppo locale e ha partecipato ai processi ecomuseali

Sono state realizzate le seguenti attività: Animazione dell’Ecomuseo dello Jato – S. Giuseppe Jato con assemblee di comunità e laboratori di progettazione partecipata. Nello specifico sono state realizzate le seguenti attività: N° 4 Workshop con stakeholders locali N° 4 Assemblee di Comunità N° 4 Laboratori di Comunità N° 1 Parish Map (o Mappa di Comunità) Preparazione di progetto per attivazione fondi PSR – primo bando disponibile Preparazione di una pubblicazione sugli Ecomusei nel Mediterraneo Presentazione progetto MED e come sopra descritto, la seconda edizione di “Ripensare lo Sviluppo”, evento locale Ladder e inserito nell’ambito del progetto finanziato dal Dipartimento Affari Extraregionali nel task Ecomusei che si è tenuto a San Giuseppe Jato dal 24 al 26 giugno. A latere, è stata organizzata una mostra fotografica della Valle dello Jato e una visita guidata al Parco Archeologico dello Jato

UNESCO La valorizzazione degli attrattori materiali e immateriali del Patrimonio UNESCO del Mediterraneo è stata perseguita attraverso la collaborazione con il CUNES e con la Fondazione Patrimonio UNESCO Sicilia, con cui il COPPEM ha stipulato Memorandum of Understanding

Il principale obiettivo è stato indirizzato a realizzare le attività preparatorie del Festival del patrimonio Immateriale UNESCO, a tal fine, la IV Commissione del COPPEM, ha steso, per conto dell’Assessorato ai BB. CC. (capofila), al Turismo e all’Agricoltura della Regione Siciliana, il progetto “Promozione degli Attrattori Culturali e delle Eredità immateriali” P.A.C.E. che ha previsto il finanziamento del Festival

La Regione Siciliana e il COPPEM, sono stati coadiuvati dal Comitato Promotore, composto dai seguenti Enti (Città ospitanti e dai membri siciliani della rete ICCN) Comune di Palermo Comune di Catania Comune di Noto Comune di Agrigento Assessorato ai BB.CC. e all’Identità Siciliana – Regione Sicilia Assessorato al Turismo – Regione Sicilia Assessorato all’Agricoltura – Regione Sicilia Fondazione Patrimonio UNESCO Sicilia CUNES Associazione NED AICCRE Sicilia  Sono state realizzate azioni di animazione territoriale, in coordinamento con il CUNES, nelle quattro città che hanno ospitato il Festival, oltre che a Taormina, dove si è tenuta la cerimonia di apertura

Il Festival è stato inoltre presentato anche a Malta, dove nella città di Vittoriosa (Birgu), sono state attivate le azioni preparatorie per un accordo di cooperazione con La Valletta Capitale Europea della Cultura 2018

E’ stato costituito un Comitato Tecnico congiunto, costituito da rappresentanti del COPPEM, del CUNES, della Fondazione Patrimonio UNESCO Sicilia e dell’Associazione NED

E’ stata progettata la III edizione della Summer School su Management di Eventi Culturali ed Artistici che si è tenuta a novembre, eccezionalmente, per preparare il personale volontario che ha collaborato per la realizzazione del Festival del patrimonio Culturale Immateriale UNESCO, in collaborazione con il Consorzio Universitario del Mediterraneo Orientale (CUMO) di Noto

FESTIVAL DELLE ARTI EFFIMERE Il COPPEM è stato partner tecnico/scientifico del Comune di Noto per la realizzazione dell’evento itinerante annuale, che si è tenuto a Noto dal 12 al 15 maggio 2016. Il manager è stato membro del Comitato Scientifico e ha curato e individuato i relatori sulle tematiche connesse alla presentazione delle candidature dei beni intangibili all’UNESCO

Coerentemente con le azioni UnescoMed ed Ecomuseo 2.0, si è proseguito nelle azioni di progettazione per l’attivazione di ulteriori risorse in grado di garantire la sostenibilità delle attività poste in essere nel periodo gennaio/luglio 2016

Nello specifico, sono state redatte le proposte progettuali relative ai seguenti Programmi UE: Programma Adrion Titolo del Progetto : SALT (Strengthening Adriatic-Ionian Linkages on Tourism) Leader: Dipartimento Affari Extra Regionali – Regione siciliana Partner: COPPEM e altri sette organismi di: Croazia, Albania, Slovenia, Montenegro Durata 24 mesi  Programma MED Titolo del Progetto: MedEcoNet (Mediterranean Ecomuseum Network) Leader: Assessorato ai Beni Culturali e all’Identità siciliana – Regione siciliana Partner: COPPEM e altri otto organismi di: Grecia, Croazia, Albania, Slovenia Durata 24 mesi  Programma DEAR Titolo del Progetto: Rainbow Leader: ALDA Partner: COPPEM, Regione siciliana, Comune di Catania e altri 59 partner in rappresentanza di 23 Paesi UE e associati Durata 36 mesi POR Sicilia 2014/20 – Progetto a titolarità regionale Titolo del Progetto: Promozione degli Attrattori Culturali e delle Eredità immateriali” P.A.C.E

2017

Leader: Regione siciliana (progetto interassessoriale capofila Assessorato BB.CC. e all’Identità siciliana, Assessorato Turismo e Assessorato Agricoltura) Ente Attuatore: COPPEM Altri partner: Comune di Palermo, di Catania, di Noto, di Agrigento, CUNES, Fondazione Patrimonio UNESCO Sicilia, Associazione NED Durata 24 mesi  POR Sicilia 2014/20 – PSR Titolo del Progetto: Ecomuseo dello Jato Leader: Comune di San Giuseppe Jato Partner: COPPEM, Associazione NED, Associazione ProJato Durata: 36 mesi 2017  Assemblea generale. Attività di progettazione e scambio di buone prassi in seno all’ “Osservatorio Euro-Mediterraneo su cooperazione e sviluppo locale” in raccordo anche con altre reti internazionali

Attività di disseminazione e promozione della carta euromediterranea per l’uguaglianza tra donne e uomini nella vita locale, redatta nell’ambito del progetto Med-equality dalla commissione europea e sottoscritta da numerosi enti locali dell’area euromed cofinanziato dall’UE  Partecipazione al Progetto “Voci di confine – la Globalizzazione vista dai confini e dalle periferie” (cofinanziato dal Ministero italiano della Cooperazione allo Sviluppo) il Coppem è stato coinvolto in azioni di nformazione e sensibilizzazione, volte a promuovere la comprensione delle cause complesse della migrazione. Ha dato il proprio contributo nella promozione delle iniziative del progetto, diffondendo i comunicati stampa attraverso il proprio sito web. A novembre 2017 è poi stato creato dal coordinatore il sito web specifico dell’iniziativa: www.vocidiconfine.com  Attività di progettazione nell’area Euro-Mediterranea hanno riguardato il monitoraggio di bandi e la cooperazione con istituzioni della sponda sud del Mediterraneo per la presentazione di proposte progettuali in cui il Coppem potesse partecipare in qualità di partner associato. Il Coppem ha partecipato tralaltro all’info-day del bando Italia-Tunisia per progetti standard e preso contatti con istituzioni pubbliche trasfrontaliere

Progetto Ladder finanziato dal Programma DEAR (Development Education and Awareness Raising) – ruolo Coordinamento Path Mediterraneo Incontro con la Commissione Europea – Bruxelles

Convegno su “Piattaforma permanente Euromediterranea sul Dialogo Strutturato tra Autorità Locali e Organizzazioni della Società Civile” Roma – Camera dei Deputati

Partecipazione a Job Shadowing con l’Associazione Nazionale delle Autorità Locali di Serbia -Belgrado (Serbia)

Partecipazione a Job Shadowing con Forster Europe (Austria) – Palermo

Partecipazione a Fiera degli strumenti della Cooperazione allo Sviluppo e Assemblea Generale ALDA – Turun (Polonia)

Partecipazione a III edizione “Ripensare lo sviluppo” – V Salone della Responsabilità Sociale d’Impresa – Napoli

Partecipazione a Youth Participation Week – Bruxelles

Partecipazione a Iniziativa Speciale “Giovani e Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite” – Belgrado (Serbia)

Partecipazione a Day Macro Regione Danubio – Budapest

Cooperazione con Parco Archeologico della Valle dei Templi di Agrigento per la realizzazione del Mandorlo in Fiore – Agrigento

Assistenza alle relazioni internazionali con gli Enti Gestori di 15 Patrimoni Culturali Immateriali UNESCO  Cooperazione con l’Infiorata – Noto (IT)

Assistenza alle relazioni internazionali con gli Enti Gestori di 15 Patrimoni Culturali Immateriali UNESCO

Cooperazione con il Parco Archeologico della Valle dei Templi Agrigento (IT) Winter School su “Management Eventi Culturali ed Artistici – MECA”

Coordinamento Delegazione Siciliana (Comune di Palermo, Catania, Noto, Fondazione Patrimonio UNESCO Sicilia, Associazione NED e CUNES) alla partecipazione all’Assemblea Generale ICCN Pechino (Cina)

Partecipazione al Progetto MD.Net – finanziato dal Programma Med Partecipazione al Progetto Snapshots from the Borders – finanziato dal programma DEAR ATTIVITA’ 2018

MIGRATION DEVELOPMENT Progetto finalizzato alla pianificazione di interventi da adottare per affrontare concretamente l’emergenza dei flussi migratori che investono il bacino del Mediterraneo e che, per grandi linee, è volto alla gestione, monitoraggio, formazione ed integrazione dei migranti. L’iniziativa ha visto capofila, la Presidenza della Regione Siciliana, realizzato in sinergia con il COPPEM e il KPMG Advisory S.p.A.PROGETTO KPMG

Partecipazione al Progetto “Voci di confine – la Globalizzazione vista dai confini e dalle periferie”(cofinanziato dal Ministero italiano della Cooperazione allo Sviluppo) il COPPEM è stato coinvolto nella diffusione di iniziative di sensibilizzazione

DIET NETWORK  Il progetto, della durata di 48 mesi, ha promosso la Dieta Mediterranea, come PatrimonioCulturale Immateriale UNESCO dal 2010, sia come stile di vita che come promozione dei prodotti d’eccellenza del settore agroalimentare Mediterraneo. MD.net è stato finanziato dal programma MED, è stato guidato dalla Regione Campania e ha avuto partner, pubblici e privati, in rappresentanza di Italia,Portogallo, Spagna, Slovenia, Albania, Bosnia Herzegovina, Grecia e Cipro. Ruolo del Coppem: partner – disseminazione dei risultati, allargamento dei paesi firmatari della Convenzione internazionale ICH Unesco, progetto pilota nel Val di Noto e attivazione dell’Ecomuseo della Dieta Mediterranea del Val di Noto

SNAPSHOTS FROM THE BORDERS Obiettivo principale del progetto è stato il perseguimento degli Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile 2030, delle Nazioni Unite. E’ stao finanziato dal programma DEAR (Development Education and AwarenessRaising) ATTIVITA’ 2019  Assemblea generale del COPPEM in teleconferenza, vista l’urgenza di procedere alla approvazione dei documenti contabili e amministrativi finalizzati ad assicurare la corretta gestione dell’ente

Sono stati rinsaldati i contatti con la municipalità di Tunisi e della Giordania

In Giordania, la nuova rappresentanza del COPPEM ha incluso anche rappresentanti istituzionali ministeriali, in considerazione sia della rilevanza governativa nel contesto territoriale, che della volontà del nuovo Ministro alle Infrastrutture, a partecipare alle attività del COPPEM

CONFERENZA DELLE REGIONI PERIFERICHE E MARITTIME In occasione della riunione della Commissione Intermediterranea della CRPM, svoltasi il 16 Ottobre 2019 a Palermo, il COPPEM ha formalizzato la propria adesione all”Alleanza per la Cooperazione nel Mediterraneo”

L’Alleanza nasce dalla collaborazione tra le principali associazioni mediterranee istituite dalle autorità regionali e locali: oltre alla Commissione Intermediterranea della CRPM ed al Comitato Permanente per il Partenariato Euro-Mediterraneo (COPPEM), ne fanno parte MedCities ed Arco Latino nonché due euroregioni: l’Euroregione Adriatico Ionica e l’Euroregione Pirenei-Mediterraneo

Tale Alleanza si pone tra gli obiettivi principali quello di promuovere ulteriormente l’allineamento e l’integrazione di tutte le strategie e iniziative in grado di rafforzare la gestione e la cooperazione multilivello, in direzione di un’unica strategia integrata per il Mediterraneo nel lungo termine

Il COPPEM, nell’ambito del progetto MD.NET -PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA DIETA MEDITERRANEA, finanziato da programma Interreg MED, ha realizzato un progetto pilota territoriale avvalendosi della metodologia della quadrupla elica, mediante l’attivazione di un Living Lab

Incontro con i Patrimoni UNESCO e Enti Gestori delle Eredità Immateriali Italiani – settembre  Partnership con i Comuni UNESCO di Sicilia e gestione Ufficio Speciale CUNES sul Patrimonio Immateriale in cooperazione con il Comune di Agrigento  Piano di fattibilità Museo del Patrimonio Immateriale UNESCO ICCN  Summer School per la valorizzazione dell’Eredità Immateriali d’Europa

Partecipazione progetto DeCoDe – Sullo spopolamento giovanile in Sicilia guidato dalla Municipalità di Daugavpils, Latvia

Progetto REGIN Il primo incontro dei partner associati del Progetto REGIN: “Regions for migrants and refugeesintegration si è svolto il 13 Ottobre 2020 via web. Il progetto europeo, coordinato dalla CRPM, mira a integrare i migranti e i rifugiati nelle politiche di coesione sociale a livello regionale, creando un quadro comune per facilitare, guidare e migliorare le prestazioni delle regioni attraverso strumenti innovativi. I partner associati, presenti al meeting, sono stati: a Cipro il Center for SocialInnovation, in Finlandia il Migration Institute, in Turchia l’International Centre for Black SeaStudies e in Spagna Med Cities. Il progetto REGIN proseguirà sino a gennaio 2022, mese in cui è prevista la conferenza finale inpresenza a Bruxelles

Nell’ambito dello stesso progetto il COPPEM ha dato il proprio supporto all’Ufficio Speciale Immigrazione della Regione Siciliana, al fine di redigere indicazioni utili per la definizione del nuovo Piano d’Azione della Commissione Europea sull’integrazione e inclusione dei migranti nell’UE

 

 

ItalianEnglishSpanishFrenchArabic