Home: Chi Siamo


 

Il Coppem (Comitato Permanente per il Partenariato Euromediterraneo delle Autorità Locali e delle Regioni), è una rete di autorità locali e associazioni nazionali di autorità locali dell'area euromediterranea con sede a Palermo (Italia). Esso promuove la cooperazione e lo sviluppo locale e decentrato perseguendo gli obiettivi definiti nell'ambito della dichiarazione di Barcellona (1995) attraverso gli strumenti finanziari dell'Unione Europea, in collaborazione con gli enti pubblici e privati dei 43 Stati dell'area euromediterranea. L' operatività del COPPEM, fin dalla sua origine, è stata sostenuta dalla Regione Siciliana.

Il COPPEM, è stato formalmente insediato in occasione della prima Assemblea Plenaria dei suoi Membri (Palermo, 27-28 Novembre 2000) su iniziativa del CCRE (Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa) e dell’OCA (Organizzazione delle Città Arabe), a seguito della definizione di un regolamento concordato nel Luglio 2000 a Gaza dai rappresentanti di Amministrazioni Locali.

Nel Dicembre del 2002, in occasione della III Assemblea Plenaria, è stata adottata la costituzione dell'Associazione internazionale senza fini di lucro denominata COPPEM i cui organi operativi sono:

  • Assemblea Generale

  • Consiglio di Presidenza

  • Presidente e i Vice-Presidenti

  • Segretario Generale

In base all'ultimo aggiornamento statutario del 2010, essa è composta di 117 membri titolari e di 117 membri supplenti, che rappresentano Comuni, Province, Autorità Locali e Regioni dei Paesi firmatari della Dichiarazione di Barcellona e di quelli aderenti all'Unione per il Mediterraneo. Sono Membri di diritto anche il Segretario Generale, un rappresentante del CCRE ed un rappresentante dell’OCA.

Nella sua azione, il COPPEM identifica 5 assi prioritari di intervento: 1. cooperazione politico-istituzionale; 2. cooperazione tra città e regioni; 3. cooperazione economica e finanziaria; 4. cooperazione culturale e ambientale; 5. cooperazione per le pari opportunità, i diritti umani e la gioventù.

Sulla base di tali temi, sono state create altrettante commissioni di lavoro al cui interno i membri del COPPEM possono operare proponendo o semplicemente essendo coinvolti nelle singole attività che il segretariato si occupa poi di sviluppare e realizzare.

Il COPPEM, inoltre, ha contribuito notevolmente alla creazione dell'ARLEM (l'Assemblea Regionale e Locale Euro-Mediterranea): i Co-presidenti dell'area Sud della scorsa legislatura erano entrambi membri del COPPEM e tra i membri del bureau dell' ARLEM siede uno dei Vice-Presidenti del Comitato Permanente; alcuni dei membri dell'ARLEM, infine, sono anche membri del COPPEM il che ha aperto e apre importanti spiragli per significative sinergie.

Tra le attività più rilevanti realizzate negli ultimi anni dal COPPEM in partenariato con altri Enti vanno ricordate a titolo meramente esemplificativo: il I e II Forum Euro-Arabo delle Città (www.euroarabforum.malaga.eu) rispettivamente a Dubai e Malaga; le Giornate di Studio e di riflessione – Inter-religiosità e inter-cultura a Palermo; la realizzazione del documentario “I diversi volti dell'emigrazione tra le due sponde del Mediterraneo”(mandato in onda in italiano ed arabo su reti satellitari e trasmesso durante varie conferenze a Strasburgo Brussels e Atene), i “Rencontres de Tanger” a Tangeri, la realizzazione del documentario “Destino Clandestino” con relativa mostra fotografica (www.destinoclandestino.org) trasmesso in diversi contesti internazionali; il seminario internazionale su “Migrazione e Sviluppo Locale” ad Algeri; dibattito Euro-Mediterraneo su “Migrazione e Sviluppo” a Palermo, la I e la II Notte Euro-mediterranea del Dialogo a Palermo, Murcia, Calcara, Bagheria; la conferenza internazionale “Istanbul: ponte tra le culture”ad Istanbul; la conferenza internazionale “Primavera Araba: riflessioni e prospettive” a Palermo; la conferenza internazionale: “verso la Carta Euromediterranea dell' Uguaglianza tra Donne e Uomini nella Vita Locale” a Istanbul; I e II Forum “Uniti dal Mediterraneo”a Palermo.


 


Share |