Migrazione e interazione: la II commissione del Coppem in Germania

TAG: II Commissione


Nell'ambito dei lavori della II Commissione del Coppem ha avuto luogo la scorsa settimana un incontro in Germania che è stato un'importante occasione per discutere di possibili iniziative attinenti le migrazioni e l'integrazione.
L'incontro si è svolto nel Baden-Württemberg, il cui territorio rappresenta un modello di integrazione. La popolazione della regione di è oggi in continua crescita in gran parte grazie all'immigrazione dall'estero. La struttura della popolazione sta subendo un processo di notevole trasformazione; mentre l'aspettativa di vita cresce e il tasso di natalità diminuisce, la migrazione sta diventando un fattore di particolare importanza. Circa 1.2 milioni di persone con passaporto non tedesco vivono attualmente nella regione, costituendo circa l'11% della popolazione totale. Circa il 40% dei residenti non tedeschi provengono da altri paesi europei, mentre il gruppo più numeroso di immigrati extraeuropei proviene dalla Turchia. In particolare giovani immigrati sotto i 35 anni sono diventati cittadini tedeschi.
Secondo il XXII rapporto Caritas e Migrantes sull’immigrazione in Italia, la percentuale degli immigrati residenti in Sicilia è di molto inferiore, secondo le ultime stime ufficiali si attesta intorno al 3%, benché occorre considerare che a tali stime si aggiungono i numeri dell'immigrazione “irregolare” si tratta comunque di percentuali di gran lunga inferiori a quelle della regione tedesca sopra citata.
L'incontro ha avuto un esito positivo; il modello di integrazione tedesco che trova attuazione a livello locale può essere un'utile esempio per la Sicilia. Verranno cercate congiuntamente fonti di finanziamento per sviluppare iniziative in partenariato che possano riguardare sia l'area Europea che il bacino Mediterraneo.


Share |