Attività: Convegni

Sponde 2011. A Mazara del Vallo tre giorni di dibattiti, incontri, musica e spettacoli

TAG: migrazione



«Migrazioni nel Mediterraneo: minaccia o opportunità?». E' stato questo il tema della terza edizione di «Sponde», che si è tenuta a Mazara del Vallo il 16 e 17 settembre scorsi. L’iniziativa del Centro mediterraneo di studi interculturali e dell’Osservatorio del Mediterraneo di Roma, si è conclusa domenica 18 con la messa dell’accoglienza con la presenza di nove prelati provenienti da tutta l’area del Mediterraneo.

La città della convivenza (a Mazara vive la comunità magrebina più numerosa di Sicilia) ha ospitato per tre giorni studiosi, rappresentanti istituzionali ma anche artisti della sponda africana in una kermesse che ha puntato l’attenzione sul fenomeno dell’immigrazione osservandolo da tutti i punti di vista (compreso quello dei flussi migratori irregolari e sfruttamento della criminalità organizzata, tema affrontato, tra gli altri, anche da Giusto Sciacchitano della Direzione Nazionale Antimafia).

Tra gli ospiti, anche il sottosegretario all’Interno Sonia Viale, intervenuta sabato mattina nel dibattito sul tema «Gli attori istituzionali delle politiche dell’immigrazione». «La nostra prospettiva sarà quella di tipo ecclesiale - ha detto il vescovo di Mazara, monsignor Domenico Mogavero, presidente del CeMSI - ma anche culturale nell’ottica di essere una Chiesa del Mediterraneo che guardi al dialogo. Sono, invece, molto preoccupato dell’atteggiamento dell’Europa che non sta seguendo con attenzione i problemi dell’area mediterranea». La tre giorni è servita per approfondire il tema dell’immigrazione, con le implicazioni anche sociali e culturali. «Non bisogna mai dimenticare che il “fenomeno” immigrazione è fatto dagli immigrati - ha concluso il vescovo - uomini in carne ed ossa, con le loro storie, le loro speranze, le loro paure e debolezze, i loro diritti (e i loro doveri), la loro creatività, la voglia di rendersi utili, i loro vincoli familiari. La dimensione dell’immigrato-uomo spesso è trascurata, a volte anche calpestata e offesa, se l’immigrazione è incoraggiata senza nessuna gestione o controllo». «Sponde» vuole ripartire da qui. «Sarà l’occasione per analizzare le politiche dell’immigrazione - ha detto Liborio Furco a capo del comitato scientifico del CeMSI - ricercando una prospettiva nazionale ed europea».
 


Share |