Cooperazione: Unione per il Mediterraneo


Per dare inizio alla campagna per la promozione del progetto per l'Unione Mediterranea, il Presidente della Repubblica francese Nicolas Sarkozy ha scelto la regione del Maghreb arabo, a cui
ha dedicato il suo primo viaggio extraeuropeo.
Per la verità già la sera stessa della sua elezione, Sarkozy aveva dichiarato di voler promuovere un progetto di integrazione mediterranea, idea che ha scatenato il dibattito in tutte le cancellerie
europee e dei paesi arabi, dibattito che conferma la piena consapevolezza europea di trovare nuovi fori di dialogo per rilanciare le relazione euroarabe bisognose di nuovi stimoli.
Infatti il processo di Barcellona, a dodici anni dalla sua istituzione segna dei limiti, dei ritardi che alcuni analisti politici addebitano allo spostamento delle politiche dell'UE verso l'Europa dell'est a
discapito del mediterraneo.
Innnanzitutto, la prima cosa da chiarire riguarda la struttura giuridico-istituzionale che la diplomazia francese vorrebbe dare a questo nuovo organismo:
  • Sarà una nuova organizzazione sovranazionale?
  • Sarà invece un Comitato di Stati che si riuniranno solo per iniziative progettuali comuni su determinate tematiche?
  • Quali paesi ne faranno parte?
  • Che ruolo avrà l'Unione Europea, e soprattutto si intende con questo nuovo progetto ridimensionare il processo di Barcellona?
  • Che reazione ci sono state nei paesi interessati?
Non ci si nasconde naturalmente che il progetto francese contiene ancora molti punti da chiarire La sua intenzione generale, evidentemente è quella di bilanciare a Sud l'espansione verso est che ha
recentemente riconosciuto l'Unione Europea, azione geopolitica che ha indebolito sostanzialmente il ruolo delle nazioni europee mediterranee.

 


Share |

Allegati