Attività Euromed Home: Cooperazione Euromed

Attività Euromed


Nel periodo 2008-2009 la cooperazione Euromed ha conosciuto importanti sviluppi, con l'adozione dell'iniziativa "Unione per il Mediterraneo" da parte dei capi di Stato e di governo nel luglio 2008 e il consolidamento di questa iniziativa alla riunione ministeriale dell'Euromed del novembre 2008. La finalità dell'iniziativa è imprimere nuovo slancio alla cooperazione Euromed e concentrarsi sull'attuazione di progetti concreti. Cambierà anche il contesto istituzionale: la creazione di una co­presidenza, di riunioni di alti funzionari, di un comitato misto permanente e di un segretariato dell'Unione per il Mediterraneo. Al riguardo il comitato di monitoraggio Euromed ha avviato un dibattito sul ruolo e sulla partecipazione della rete dei CES e delle istituzioni analoghe nella struttura istituzionale dell'Unione per il Mediterraneo.

Le conclusioni della riunione dei ministri degli Esteri Euromed svoltasi a Marsiglia il 3 e 4 novembre 2008 ha richiamato l'attenzione sui lavori della rete dei CES e delle istituzioni analoghe e sulla dichiarazione finale del vertice di Rabat. La presidente del comitato di monitoraggio Euromed è stata invitata alla riunione ministeriale, cui ha partecipato accanto ai ministri, al commissario responsabile delle Relazioni esterne e ad altre personalità di spicco, come alcuni membri dell'Assemblea parlamentare Euromed (APEM), il Presidente del Comitato delle regioni (CdR) e il presidente della piattaforma Euromed delle ONG.

Nell'aprile 2009 è stato organizzato a Nizza un convegno sul tema Far fronte alle sfide dello sviluppo sostenibile nel Mediterraneo, con la collaborazione dell'Osservatorio per lo sviluppo sostenibile del CESE e della co-presidenza francese dell'Unione per il Mediterraneo e con la partecipazione di diversi CES della regione, i quali hanno contribuito con tutta la loro esperienza. In tale occasione è stata avanzata la proposta relativa all'istituzione di un'Assemblea Euromed dei consigli economici e sociali e delle istituzioni analoghe, che è stata quindi sottoposta alla co-presidenza francese dell'Unione per il Mediterraneo.

I CES della regione hanno avuto anche l'opportunità d'incontrarsi e di scambiare preziose informazioni durante l'anno, attraverso seminari nel contesto del progetto Tresmed III (Segovia nel marzo 2009, Toledo nel maggio 2009 e Amman nel luglio 2009).

Un'altra occasione per incontrarsi e scambiare informazioni ed esperienze è stata offerta ai CES dalla stesura di relazioni informative per il vertice di Alessandria. In proposito il relatore del CESE responsabile della relazione informativa sul tema Il cambiamento climatico e il Mediterraneo: sfide ambientali ed energetiche e la presidente del comitato di monitoraggio hanno compiuto una visita di studio al CES libanese durante la quale hanno incontrato rappresentanti di ministeri e di organizzazioni della società civile del settore per presentare uno studio di caso sul Libano.

Il comitato di monitoraggio Euromed ha continuato a coadiuvare l'Egitto nel processo di creazione di un CES. Con le diverse parti interessate è stata organizzata una riunione al Cairo nell'aprile 2009.

Il comitato di monitoraggio dell'Euromed ha inoltre seguito da vicino gli sviluppi della creazione del CES giordano. Questo è stato istituito con un decreto reale nel dicembre 2007. Nel giugno-luglio 2009 sono stati nominati il presidente, il segretario generale e i membri del CES giordano. La prima riunione si è svolta nell'agosto 2009.


Share |